Login

Chi è on.line

Abbiamo 493 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
50
Articoli
3362
Web Links
4
Visite agli articoli
12858630
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 24 Ottobre 2021
 

PROGETTO CULTURA DIFFUSA

banner cultura

A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

20131218 coppola.jpg.pagespeed.ce.hiedo75REo(Fonte: Il Gazzettino del Nord-Est - Lorenzo Zoli) - Renzo Marangon avrebbe fatto arrivare alla rivale Isi Coppola messaggi tramite Chisso: «Lascia il posto e ritiro l'altro ricorso» -

 Per la procura della Repubblica, il reato di tentata estorsione non c'è. La vicenda sarebbe da collocare nello scontro politico divampato dopo le ultime elezioni regionali tra Renzo Marangon e Isi Coppola. Entrambi polesani, due grossi nomi del Pdl, entrambi con un passato nella giunta regionale. All'esito di quella tornata, la Coppola venne rieletta in consiglio, non altrettanto Marangon. L'esito delle votazioni ebbe anche una appendice giudiziaria, in sede civile, con un ricorso presentato contro Coppola, chiamata a rispondere di un presunto sforamento delle spese elettorali.
È in questo clima che maturano i fatti ieri portati all'attenzione del giudice per le indagini preliminari, dopo che l'avvocato Paola Malasoma, che tutela Coppola, ha presentato opposizione verso la mossa della procura.
Ieri la discussione. Da una parte l'avvocato di Marangon, Daniele Grasso del foro di Venezia, in linea con la posizione della magistratura rodigina, secondo la quale non ci sono reati né elementi per i quali procedere contro Marangon. Dall'altra la collega Malasoma, che ha illustrato i motivi per i quali ad avviso suo e dell'attuale assessore regionale, ci sarebbe materia sufficiente a dare lavoro alla magistratura.
Secondo questa versione, nel novembre 2012 Marangon avrebbe fatto arrivare messaggi a Coppola parlando con tre persone: l'assessore regionale Renato Chisso e due importanti nomi del mondo economico e imprenditoriale rodigino. Avrebbe spiegato loro che il ricorso sulle spese elettorali, comunque non presentato da Marangon in prima persona, si poteva ritirare, purché Coppola si dimettesse dal consiglio, rimanendo assessore. In caso contrario non solo il ricorso avrebbe fatto la propria strada, ma sarebbero arrivate ulteriori denunce, questa volta penali.
Marangon, da parte sua, si dimostra tranquillo. «Attendo solo la decisione della magistratura - spiega - poi renderò pubbliche le carte della vicenda. In particolare, ciò che le tre persone tirate in ballo dalla controparte hanno effettivamente riferito ai carabinieri, che hanno indagato scrupolosamente».
Si lascia insomma intendere che Chisso e i due imprenditori avrebbero smentito la ricostruzione di Coppola. Ora si attende la decisione del giudice.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Civitanova annunciato responsabilità soprattutto capogruppo particolare dichiarato responsabile associazioni possibilità all'interno Comunicato referendum dipendenti amministrazione condizioni condannato manifestazione attraverso lavoratori pubblicato intervento Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza importante Napolitano ambientale presentato situazione parlamentari QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino territorio RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information