Login

Chi è on.line

Abbiamo 834 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3274
Web Links
4
Visite agli articoli
8870380
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 14 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

GALASSIA VILLAMARZANAVILLAMARZANA UNA PIZZERIA E UN PANIFICIO CHIUDONO L’ATTIVITÀ IN PAESE: “TASSE, ULTIMA GOCCIA”.Galassia e Di Palmo 2 si arrendono, e l’amministrazione finisce sotto accusa.Villamarzana: un paese che muore.

La voce che si alza dal paese è di quelle preoccupanti. Poco tempo fa, infatti, ha chiuso i battenti lo sportello della banca, e ora anche la pizzeria del centro, La Galassia, prende la stessa strada. “Il paese muore ma non si reagisce”: questo il leitmotiv tra i banchi del mercato e nel bar che si affaccia sulla piazza principale del paese. Ma il motivo che ha portato i gestori della pizzeria ad abbassare la serranda scuote anche molti cittadini. Nel mirino, infatti, c’è la tanto famigerata Tares, la nuova tassa su immondizie e servizi pubblici. “Una processione di gente - spiegano in paese - va quotidianamente in Comune a chiedere lumi su questa tassa: è troppo alta e bisogna pagarla entro il 16 dicembre”. Il gestore dell’ormai ex pizzeria, dal canto suo, preferisce non esprimersi: “Il lavoro cala, le tasse aumentano. Non si può andare avanti così”. Insomma spese insostenibili per portare avanti un’attività commerciale. “Nel marzo 2007 ho fatto l’investimento - racconta - all’epoca si lavorava, ma adesso è finita. Ho tre figli da mantenere ma per fortuna ho un’altra pizzeria da asporto a Villanova”. Anche la banca ha chiuso i battenti a settembre e chiuderà a febbraio prossimo anche il panificio Di Palmo 2, sulla provinciale. Le cause? “Alla sera non veniva più nessuno - continua il pizzaiolo - A mezzogiorno c’era movimento in passato, quando i capannoni della macroarea erano in costruzione. Adesso la zona è morta: non ci sono operai che vengono a pranzo. Ha inciso anche l’aumento della tassa sui rifiuti - dice alla fine - che è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso”. Il gestore della pizzeria, poi, attacca il Comune: “Non si è fatto vivo nessuno: nemmeno il sindaco. L’avrò visto due volte in sette anni”. Stessa musica dal vicino panificio Di Palmo 2, sulla provinciale: “Abbiamo deciso di chiudere a febbraio perché non ci stiamo dentro con le spese. Se non fosse per i tre mesi anticipati di affitto avrei chiuso a fine novembre. Per fortuna abbiamo anche un forno a Canale che funziona bene. Anche le tasse hanno inciso: da parte del sindaco c’è una mancanza di attenzione per le attività commerciali”, accusano i gestori.Piera Marsilio

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi responsabilità Civitanova annunciato referendum capogruppo dichiarato responsabile possibilità associazioni Comunicato dipendenti all'interno amministrazione condizioni attraverso condannato lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione territorio REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information