Login

Chi è on.line

Abbiamo 583 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8903941
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 21 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Villadose discarica rifiuti(Fonte: www.rovigoindiretta.it)Rifiuto alla imposizioni sui rifiuti: “In quale paese civile la salvaguardia della salute pubblica viene garantita solo in cambio di operazioni economiche di dubbia utilità e trasparenza?” è questa la domanda che la direttrice di Legambiente Rovigo Giorgia Businaro pone intervenendo nel dibattito sulla discarica di Villadose - Secondo la direttrice di Rovigo Giorgia Businaro è “inconcepibile che l'ampliamento sia conditio sine qua non per garantire la bonifica di Taglietto 1: l' allarmismo sui rifiuti serve a spianare la strada all’accettazione del progetto da parte dei cittadini, peraltro mai coinvolti e costretti a subire decisioni antieconomiche e anacronistiche calate dall’alto”.

Bonifica sì, nuova discarica no. Questa a grandi linee la posizione che Legambiente Rovigo esprime, per bocca della sua direttrice Giorgia Businaro, riguardo al dibattito che in questi giorni si è fato sempre più serrato: “In quale paese civile la salvaguardia della salute pubblica viene garantita solo in cambio di operazioni economiche di dubbia utilità e trasparenza?”, è la domanda che pone Giorgia Businaro che non esita a definire “inconcepibile che la costruzione della nuova discarica di Villadose sia conditio sine qua non per garantire la bonifica di Taglietto 1”.

La posizione dell’associazione ambientalista è, sostanzialmente, quella di porre un grande interrogativo sul fato che solo attraverso l’ampliamento della discarica di Villadose sia possibile mettere in sicurezza quella che da più parti è stata definita una vera e propria “bomba ambientale”. La bonifica, infatti, è più che mai necessaria ed attesa da anni, ma quello che secondo la direttrice di Legambiente Rovigo è mancata è la chiarezza progettuale: “Fiumi di parole e di inchiostro sono stati sprecati negli ultimi tempi – continua Businaro- per commentare le ipotesi più disparate, arrivando addirittura ad agitare l’assurdo spettro dell’inceneritore per garantire, anche da parte di una cittadinanza mai finora coinvolta, l’accettazione dell’opzione discarica, quasi a dire “o discarica o morte”.

Secondo Legambiente, è “utile fermarsi un attimo a ragionare, dati alla mano”. “Come ricorda il sindaco di Villadose Gino Alessio – sottolinea Giorgia Businaro – il progetto della nuova discarica vede la luce nel 2006, basandosi, inevitabilmente, sull’analisi dei dati di produzione dei rifiuti degli anni precedenti. La notizia è che, in dieci anni, il mondo è cambiato, il Veneto è cambiato e la nostra provincia non ha fatto eccezione: la crisi economica, il crollo dei consumi, una maggiore attenzione dei cittadini a comportamenti virtuosi hanno comportato una netta diminuzione del residuo indifferenziato da conferire in discarica”.

“E questo – aggiunge la direttrice di Legambiente Rovigo – non lo dice solo il rapporto Comuni Ricicloni di Legambiente, di cui un neo assessore rodigino ha dichiarato di fidarsi poco. I dati dell’Osservatorio Regionale Rifiuti, istituito con la Legge Regionale n. 3 del 31 gennaio 2000 dimostrano che, dal 2003 al 2013, ultimo anno disponibile, la percentuale di raccolta differenziata per la provincia di Rovigo è aumentata del 26,6%. Di conseguenza, il residuo indifferenziato, quello che dovrebbe essere smaltito in discarica, è diminuito notevolmente: – 33.606 tonnellate. Nel 2013, dunque, il conferimento in discarica è calato del 43,06% rispetto a dieci anni prima.”

“Al netto delle considerazioni sull’impatto ambientale, che per noi restano fondamentali, come può essere economicamente sostenibile una discarica che non può contare nemmeno sulla quantità annua di rifiuto necessaria al suo ammortamento?”, chiede Businaro. Il Polesine, oggi, ricorda “conferisce in discarica circa 32.000 tonnellate. Per l’ammortamento di Taglietto 1 ne servono almeno 55.000. Le 23.000 tonnellate mancanti dovranno necessariamente essere importate da fuori regione, visto che il Veneto ha una capacità di smaltimento rifiuti già superiore all’effettiva produzione. E di che tipologia di rifiuti si tratterà? Non possiamo essere certi che si importeranno solo rifiuti urbani, considerando la documentazione presentata dall’Assessore Simoni in una sua intervista del 19 giugno scorso”.

“E qualcuno ha anche il coraggio di continuare a parlare di inceneritore? Di ’emergenza rifiuti’ in Polesine? A noi – conclude la direttrice di Legambiente Rovigo – sembra che tutto questo allarmismo non serva ad altro se non a spianare la strada all’accettazione del progetto da parte dei cittadini, peraltro mai coinvolti e costretti a subire decisioni antieconomiche e anacronistiche calate dall’alto”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information