Login

Chi è on.line

Abbiamo 689 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3268
Web Links
4
Visite agli articoli
8724161
LOGIN/REGISTRATI
Lunedì, 21 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
pescimor
(foto Multimedia.net)

Arquà Polesine - Allarme inquinamento e odore pazzesco: la segnalazione di alcuni pescatori.

 

(Fonte: Il Resto del Carlino del 19 agosto 2013 - Ivo Caprili) - ECCEZIONALE moria di pesci scoperta da alcuni ciclisti che transitando lungo via Condotti ad Arquà Polesine, hanno dapprima sentito l’odore nauseabondo e poi visto qualche pesce vicino la chiavica del canalino irriguo che per un tratto costeggia la comunale in località San Marco. Si sono avvicinati e affacciatisi sull’argine del canale Valdentro hanno dovuto tapparsi il naso: lì nel Valdentro, vicino la chiavica che immette acqua nell’irriguo, decine di pesci in putrefazione: ciprinidi e soprattutto siluri di pezzatura attorno i dieci chili ma anche qualcuno di oltre mezzo quintale. Da lì proseguendo verso l’idrovora Bussari, giunti vicino alle griglie di raccolta materiali liberi (canne, erba, eccetera) una caterva: quintali di grossi pesci in putrefazione; il che fa pensare una sorta di inquinamento lungo il corso del Valdentro o da qualche suo affluente avvenuto ormai da giorni. Purtroppo non è la prima volta che si verifica un fatto del genere. Già nel novembre 2006 nello scolo Valdentro si era registrato un fatto simile. All’epoca l’Arpav aveva predisposto le analisi delle acque del Valdentro ma è rimasta incerta l’origine dell’avvelenamento dello scolo. Dal Consorzio di bonifica si avanzò l’ipotesi che qualcuno avesse risciacquato qualche contenitore di anticrittogamici usati in quel periodo di lavori in campagna per preparare i terreni alla semina. Le morie di pesci in acque libere rappresentano un evento sempre più frequente che può essere determinato da vari fattori: ambientali, infettivi, antropici. Per poter formulare una diagnosi che permetta di ridurre il fenomeno e controllarne le cause sono necessari tempestività di azione, personale qualificato ed integrazione tra i vari enti chiamati ad intervenire. Sempre più spesso infatti, come nel caso delle morie di pesci in ambiente naturale, ci si trova di fronte a problematiche di carattere sanitario-ambientale la cui corretta gestione richiede un approccio interdisciplinare. Ecco perché qualsiasi cittadino che verifichi situazioni di moria di pesci deve avvertire la Polizia Provinciale competente per territorio.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi particolare Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information