1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
компьютерная помощь на дому
новости Винницы

CITTADINI ANTITARESARQUA’ POLESINE MERCURIATI, CRIVELLIN, VIALE E CECILIATO HANNO PROTESTATO DAVANTI AL COMUNE.Restituiti i modelli F24 all’ufficio tributi: “Non è giusto. Avete raschiato il fondo”.

Uno sparuto gruppo di cittadini ha risposto ieri mattina alla protesta di restituire al mittente l’F24 della Tares. “Ecco la risposta del paese all’invito”, esordisce con disappunto Alfio Mercuriati (ex consigliere comunale, ndr) che con altri cittadini (Sonia Crivellin, Cristiana Viale e Marialuisa Ceciliato, consigliere di minoranza), si sono trovati davanti al Comune nonostante la mattinata gelida per manifestare il loro disappunto. “Non è giusto che ci aumentino le tasse per coprire il buco che si è creato per il mancato pagamento dell’Ici arretrata della I3”, aggiunge Ceciliato. “Abbiamo tutte e due un figlio che ha cambiato residenza – spiegano le signore – il mio è andato via in aprile e viene lo stesso calcolato tra i componenti del nucleo famigliare. Non ho intenzione di pagare e voglio la revisione del calcolo sui componenti famigliari”. “Arquà e Villamarzana avevano i parametri più bassi adesso hanno aumentato a livello degli altri paesi in vista della fusione – incalzano - hanno alzato le tasse affinché non si imputi l’aumento appunto alla fusione”. In sintesi in caso di modifica del numero dei componenti il nucleo famigliare, il calcolo viene fatto in base alla situazione del 1 gennaio 2013. “Non siamo sicuri quanti errori sono stati fatti” aggiungono. Pare che la richiesta di revisione sia stata respinta ed inoltre i cittadini lamentano la non rateizzazione. “Avete raschiato il fondo – polemizzano – e non verrà fatto nemmeno il conguaglio e io devo pagare 266 euro”. I cittadini si sono poi recati all’ufficio tributi a consegnare l’F24 ed una lettera dove spiegano le ragioni della protesta. “Il Comune ha incaricato la ditta Halley di fare gli accertamenti sull’Ici arretrata – riporta lo scritto - quindi hanno firmato il contratto, una quota fissa più il 18% sull’accertato. Ha poi notificato agli abitanti la richiesta di pagamento e la maggior parte dei cittadini con brontolii e mugugni paga. La società I3 dice che i conti sono sbagliati, fa ricorso e non paga. La ditta ha fatto i conti giusti e allora perché la I3 non paga? E se ha sbagliato perché non restituisce i soldi ai cittadini? A questo punto il Comune si trova con un mancato incasso e per rientrare dei conti applica la Tares. Quando ci hanno presentato la differenziata spinta hanno prospettato una riduzione dei costi in quanto le immondizie divise erano risorse ed invece ci ritroviamo a pagare sempre di più. E’ vero ci sono le spese per la raccolta ma quelle di conferimento e smaltimento dovrebbero essere solo quelle del secco non riciclabile”.Piera Marsilio

 

туризм и отдых
обзоры недвижимости

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information