Login

Chi è on.line

Abbiamo 591 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
45
Articoli
3232
Web Links
4
Visite agli articoli
7991017
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 16 Giugno 2019
ECCELLENZE TERRITORIALI...
...i tuoi acquisti sicuri

Astoria Wines

astoria
Clicca sull'immagine

A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

pistola big(Fonte: Il Resto del Carlino - Cristina Degliesposti) - Rosolina, ex imprenditore accusato di bancarotta - RISCHIA grosso, rischia una condanna per bancarotta fraudolenta. Ma ieri in aula è stato proprio lui l’autore della rivelazione choc: «Quei soldi non ci sono più nel conto dell’azienda perché li ho usati per pagare due marocchini che mi avevano minacciato di morte».

 Vittorio Rizzo, 68 anni di Chioggia, fino al 2007 era un imprenditore del settore edile, a Rosolina. Poi le cose hanno iniziato a girare male e la sua azienda ha chiuso il primo bilancio in rosso. L’anno dopo, Rizzo ha portato i libri in tribunale, senza che ci fossero istanze fallimentari da parte di creditori. L’azienda alla fine è fallita, gestita nelle ultime fasi da un curatore, ma secondo la procura di Rovigo il ritardo nel metter in liquidazione la società avrebbe aggravato il dissesto.

E alla fine Rizzo è finito accusato di bancarotta fraudolenta per un ammanco di 15mila euro in contanti dal conto e di 4.500 euro di beni strumentali, oltre alla mancata presentazione del libro degli inventari. Incensurato, Rizzo è finito in rovina. «Il mio cliente ha venduto la casa e gli uffici — commenta il suo legale, l’avvocato Ernesto De Toni del foro di Padova —. In passato aveva accettato come pagamento per i lavori della sua azienda 5 o 6 appartamenti. Ma la permuta ha creato una crisi di liquidità che lo ha portato a chiudere il bilancio in passivo». Una sola la passività prodotta dall’azienda di Rizzo, ma questo è bastato a innescare il meccanismo del fallimento.

«Il curatore ha venduto gli appartamenti, con un ribasso rispetto al valore di mercato, ma raccogliendo oltre tre milioni di euro con cui sono stati pagati i creditori», precisa De Toni. Ieri, però, nel corso dell’udienza in cui sono stati sentiti dal collegio giudicante la guardia di finanza, il curatore fallimentare e un consulente della difesa, ha parlato anche Rizzo. «Dovevo 40mila euro a due marocchini che avevano eseguito alcuni lavori per l’azienda ma che non potevo pagare perché non avevo più liquidità — ha detto —. Un giorno sono venuti a casa mia minacciando di morte me e la mia famiglia, se non li saldavo. Così ho dato loro i primi 20mila euro, 15mila dell’azienda e 5mila chiesti ad amici».

DOPO quel pagamento andò dai carabinieri i Chioggia a racconatre tutto, organizzando una trappola per il secondo pagamento. Ma i marocchini non si sono mai più presentati a batter cassa. Questa storia, però, mai formalizzata in una denuncia né in un racconto al curatore fallimentare, non è bastata al collegio ad accettare la richista di far deporre un maresciallo di Chioggia. «Il 12 giugno, alla prossima udienza, presenterò copia dell’informativa che venne redatta per quell’operazione — precisa il legale —. Quanto ai beni strumentali, si tratta di vecchi trapani non più utilizzati dallìazienda perché rotti e perché farli riparare costava di più che prenderne dei nuovi. Solo che il registro dei cespiti non era aggiornato».

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

conferenza referendum interventi attraverso Ecoambiente Civitanova responsabile Comunicato annunciato associazioni possibilità dichiarato capogruppo condizioni all'interno dipendenti democrazia lavoratori amministrazione condannato intervento manifestazione commissione pubblicato Alessandro importante Redazionale maggioranza presentato parlamentari ambientale situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information