Login

Chi è on.line

Abbiamo 518 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3268
Web Links
4
Visite agli articoli
8736760
LOGIN/REGISTRATI
Martedì, 22 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

VOTAZIONI COMUNE

COMUNALI 2014 L’EX PRIMO CITTADINO BOCCIA IL GENNARI BIS: “IN MUNICIPIO DA SEMPRE, NON PUÒ INNOVARE”

La nostra città deve essere da traino al Delta. Io per ora mi limito a guardare” Giovanni Franchi, primo sindaco di Porto Viro dal 1995 al ’99 e poi per un decennio presidente del Consorzio per lo sviluppo del Polesine, dopo anni di silenzio torna sulla scena politica con l’avvicinarsi delle elezioni comunali, che vedranno Porto Viro, in primavera, eleggere un nuovo sindaco. Franchi, lei è stato il primo sindaco di Porto Viro dopo la fusione dei Comuni di Donada e Contarina: come vede l’attuale situazione comunale alla luce dell’esperienza vissuta? “I sindaci sono stati lasciati come al solito sostanzialmente soli e a livello provinciale le forze politiche non sono state in grado di produrre nessun vero dibattito approfondito condannandoci, per l’ennesima volta, ad andare al confronto con Regione e Stato divisi come solito. Continua a prevalere la voglia di litigare sterilmente anziché quella di approfondire, studiare e confrontarsi umilmente e, purtroppo, lo continuano a fare anche su tutto il resto a discapito degli interessi della comunità”. I Comuni dell’isola di Ariano stanno discutendo di una Unione. Che ne pensa? “Magari la facessero. Purtroppo, dopo tutti questi anni di dibattito siamo ancora alla sola idea di fare uno studio di fattibilità e, tra l’altro, non sappiamo ancora tra quanti e quali dei tre municipi dell’Isola”. Tornando a Porto Viro, come vede l’attuale situazione politica? “Ancora molto confusa e indefinita: si ha la netta sensazione che un ciclo storico sia finito ma ancora non si comprende bene come potrà evolversi la situazione”. Intanto il sindaco Gennari si è dichiarato disponibile a ricandidarsi ancora. Che ne pensa? “Gennari ha legittimamente posto il tema della sua ricandidatura e certo non gli manca l’esperienza. Ricordiamoci che negli ultimi 31 anni, salvo i sei anni in cui sono stato sindaco io, lui è stato ininterrottamente sindaco o vicesindaco. Ma è in buona compagnia. Il suo competitore principale nel centrodestra, Doriano Mancin, non è da meno: sono 20 anni ininterrotti che fa l’amministratore comunale. Non mi è ancora chiaro come questi possano candidarsi a capo di una squadra che possa interpretare quel bisogno di innovazione che è largamente diffuso”. A cosa si riferisce? “In questi 15 anni sono state fatte certamente molte cose, alcune decentemente altre decisamente no: basti pensare, a solo titolo di esempio, alla nuova piazza di Donada che è una autentica e folle ‘trappola per gambe’. Penso ai grandi progetti rimasti agonizzanti se non addirittura dimenticati non solo per mancanza di soldi; penso alle relazioni con i Comuni vicini che definire fredde è un eufemismo. Penso ad una problematica capacità di dialogo con i cittadini e alla difficoltà di ascoltarne i loro reali bisogni primari. Comunque non bisogna dimenticare che, per una serie di motivi diversi, potrebbe materializzarsi la candidatura a sindaco di Isi Coppola”. E nel centrosinistra? “I partiti tradizionali mi sembrano ancora silenziosi. Registro l’iniziativa del tentativo di costituzione di un gruppo civico con la presenza di Thomas Giacon che però non ha ancora assunto una fisionomia compiuta. Poi ovviamente restano le incognite del Movimento 5 Stelle ed eventuali ulteriori gruppi locali magari risultanti da spaccature grandi o piccole dei principali schieramenti come, d’altro canto, l’esperienza delle recenti elezioni a Porto Tolle ci ha mostrato. Che ne pensa? “Porto Viro ora merita di più. Può e deve ritrovare il ruolo di traino per l’intero Delta che si era intuito avesse con la realizzazione della fusione tra Contarina e Donada. E’ ormai giunta l’ora, a tutti i livelli, di una ventata di idee nuove e di metodi di amministrare la cosa pubblica altrettanto nuovi, di nuova linfa e obiettivi più avanzati e realmente capaci di cambiare in meglio la nostra qualità di vita, ma, badi bene, non penso che questo passi solo per un ricambio anagrafico”. La domanda è d’obbligo: e lei che ha intenzione di fare? “Per quanto riguarda le prossime Comunali, al momento mi limito ad osservare”. A pagina 8 servizio su Isi Coppola al parlamento europeo per parlare di acquacultura Guendalina Ferro

 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi particolare Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information