Login

Chi è on.line

Abbiamo 555 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3268
Web Links
4
Visite agli articoli
8714038
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 20 Ottobre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

maurizio-crepaldi-2SETTORE ITTICO PORTO TOLLE - Intervento di Maurizio Crepaldi, presidente del Consorzio cooperative pescatori: “i continui attacchi sono un pericolo per i nostri soci” - Una crisi mai vista per il settore ittico polesano. I pescatori in difficoltà economica si sono riuniti e hanno deciso di dare vita ad un comitato perché non si sentono tutelati da chi gestisce il Consorzio delle cooperative. La risposta di Maurizio Crepaldi

, presidente: “La pesca esce danneggiata dagli attacchi sulla stampa”. Ecco le sue proposte: sabbiatura di determinate aree, lottare contro il calo del prezzo a chilogrammo delle vongole e costuire una Op unica per il Delta del Po.

Attacchi ripetuti, violenti, che hanno solo l’obiettivo di destabilizzare senza pensare minimamente a costruire: il Consorzio cooperative pescatori del Polesine, una delle più importanti realtà produttive del territorio polesano, è da alcuni giorni oggetto di velenose prese di posizione da parte di suoi stessi membri sulla gestione complessiva dell’azienda. Per rispondere ad essi interviene ora il presidente del Consorzio, Maurizio Crepaldi, che, prima di tutto, solleva obiezioni sul metodo: “Stiamo vivendo una crisi gravissima, con un calo di reddito drammatico da parte dei pescatori: in una fase come questa c’è bisogno di idee, di collaborazione e di interventi precisi: cercare di risolvere i problemi creando polemiche sui quotidiani, usando la stampa come un manganello non serve a nulla. Il Consorzio è ed è sempre stato un organismo che si impegna a risolvere i problemi dei suoi soci, non il contrario”. 

Sullo specifico dei diversi attacchi, poi, Crepaldi cerca di portare chiarezza. “Partirei dalle polemiche dimissioni di Vladimiro Mancin, che ha sollevato tutta una serie di problematiche che lui stesso avrebbe dovuto contribuire a risolvere e che invece sono lì sul tavolo: come ad esempio la gestione degli orti o della rimodulazione dei turni di pesca. Oggi le zone produttive sono sempre meno, per tutta una serie di motivi che non dipendono dalla nostra gestione. Noi stiamo facendo una proposta concreta, la sabbiatura di determinate aree, per rendere il substrato maggiormente produttivo: una proposta che faremo partire a breve ma che finora è sempre stata ostacolata proprio da coloro che criticano. Mancin parla poi del problema della semina, invitando poi a nominare un responsabile per cooperativa: ha idea di cosa significherebbe avere 14 responsabili della semina? Ne nascerebbe il caos. Ancora, Mancin invoca nuovi progetti di vendita. Abbiamo già provato nuovi mercati, senza successo, per adesso. La soluzione piuttosto è quella lottare contro il calo di prezzo a chilogrammo delle vongole, che è il vero responsabile della diminuzione di reddito. Su questo fronte stiamo lavorando sodo, per la costruzione di una Op (Organizzazione di produttori) unica del Delta del Po, che comprenda noi ed i produttori del ferrarese, in modo da avere un prezzo unico e di evitare la guerra attuale che ha portato ad un crollo del prezzo di vendita. Stiamo lavorando insieme ai presidenti delle due province, Tiziana Virgili e Marcella Zappaterra, è una trattativa difficile ma stiamo vedendo una luce in fondo al tunnel”. 

“Mi trovo ad affrontare una crisi iniziata prima della mia presidenza. Ricordo, invece, che nonostante la moria catastrofica della laguna del Canarin, la produzione quest’anno è aumentata sensibilmente: lo dice il recente dato relativo al mese di ottobre: 59400 quintali di vongole nel 2012, 61500 quintali a fine ottobre di quest’anno. Ma al di là del valore di questo dato io dico una cosa semplice: mi sto impegnando per risolvere i problemi enormi che ci troviamo di fronte: invoco alla collaborazione, perchè la polemica fatta per il puro gusto di distruggere anziché di costruire porta soltanto a fare del male alla nostra struttura. Nessuno di quelli che hanno responsabilità di gestione deve dimenticarlo: abbiamo sulle nostre spalle la responsabilità di molte centinaia di famiglie. Proprio per questo invito tutti, per il bene dei nostri pescatori, ad avanzare proposte concrete (e non solo critiche sterili) per la soluzione dei molti problemi che ci angustiano".

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente interventi particolare Civitanova annunciato referendum capogruppo responsabile dichiarato associazioni Comunicato possibilità all'interno dipendenti attraverso amministrazione condizioni lavoratori condannato manifestazione intervento Alessandro commissione pubblicato democrazia Redazionale maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information