Login

Chi è on.line

Abbiamo 579 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3276
Web Links
4
Visite agli articoli
8911550
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 22 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

antonio-laruccia-sindaco-trecenta-04La Tares manda in rovina un ingente numero di esercenti commerciali. Il sindaco di Trecenta, Antonio Laruccia, scrive ai ministri, Fabrizio Saccomanni, Enrico Giovannini e Flavio Zanonato affinché il governo modifichi i coeffici. Per Antonio Laruccia (foto a lato) i coefficienti utilizzati per calcolare la Tares sono troppo elevati e la tassa graverebbe troppo sulle attività commerciali. Quindi il primo cittadino di Trecenta ha scritto al Governo affinché modifichi i parametri e permetta una più equa applicazione del provvedimento.

La Tares manda in rovina e porta alla chiusura di un ingente numero di attività commerciali. Il sindaco di Trecenta, Antonio Laruccia, scrive ai ministri, Fabrizio Saccomanni, Enrico Giovannini e Flavio Zanonato

affinché il governo modifichi i coefficienti ministeriale che gestiscono questa tassa. 

“L’applicazione della tassa impone alle famiglie pagamenti di somme che incidono notevolmente sul già risicato bilancio domestico, e comunque di gran lunga superiore a quanto versato negli anni precedenti, si segnala che per alcune fasce di utenti, in particolare per gli addetti ai pubblici esercizi, ristorazione, ortofrutta-pescherie-piante e fiori, e plurilicenze, il calcolo con i coefficienti ministeriali con determina imposte insostenibili per gli esercenti e tali da indurre, in tali casi, alla cessazione dell’attività”. 

Laruccia porta alcuni chiari esempi: per locali ad uso bar, trattoria, ristorante o pizzeria con una superficie di 108 metri quadrati la vecchia tariffa annua era di 297 euro all’anno, con le nuove utenze 1132 euro. Se la superficie si amplia, circa 887 metri quadrati da 2.438 euro della vecchi tariffa il gestore andrà a pagare oltre 13mila euro. Gli aumenti variano dal 38% al 550% in più, aumentano maggiormente per i negozi di merce deperibile arrivando al 606%. 

“I pochi casi riportati ben evidenziano l’inaccettabilità dei coefficienti ministeriali Kc e Kd per alcune tipologie merceologiche, dove la percentuale di aumento, rispetto all’anno precedente risulta essere, talvolta, superiore al 600%. Tale incremento comporterebbe certamente la chiusura di micro attività commerciali che stanno già subendo una crisi che dura da alcuni anni - conclude Laruccia - Per quanto precede, si chiededi rivedere la tabella dei coefficienti ministeriali succitati prevista nell’allegato 1 del D.P.R n. 158 del 27.04.1999, prevedendo, in alternativa, la facoltà di ricorrere ad altre forme di smaltimento per le categorie in esame, al fine di consentire un’equa applicazione del provvedimento, permettendo, altresì, ai Sindaci di ottemperare a quanto previsto dalla normativa vigente”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia ambientale maggioranza importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information