Login

Chi è on.line

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
37
Articoli
3120
Web Links
4
Visite agli articoli
6757372
LOGIN/REGISTRATI
Giovedì, 19 Aprile 2018
A-   A   A+

scarica feed


Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

baita mose(Fonte: Il Gazzettino del Nord-Est) - «Il Consorzio fino al 2003 non sapeva come spendere i soldi, si è inventato barene, rive, si inventava il lavoro singolo in giro per la laguna».

Lo afferma in interrogatorio Piergiorgio Baita, l'ex ad di Mantovani, la principale azienda consorziata nei lavori del Mose. «Ma dal 2003, quando sono partite le opere alle bocche, con l'impegno di finire, - prosegue Baita - è cambiato progressivamente il clima». Baita lo dice ai pm spiegando perché ad un certo punto Mazzacurati fosse divenuto garante delle piccole imprese. 

Baita, nell'interrogatorio, spiega più nel dettaglio ai magistrati perché, con le opere vere e proprie del Mose, fosse cambiato il rapporto tra Consorzio e imprese più piccole: «All'inizio - racconta l'ex manager - non si sono accorti, perché i lavori preparatori assomigliavano molto a quelli dei chioggiotti (lo scavo), poi quando sono cominciati a entrare in campo i cassoni e soprattutto gli impianti, di colpo chi credeva di avere una sinecura al Consorzio si è trovato senza lavoro e con le barche ferme».«Mazzacurati - prosegue Baita - è sempre stato il garante di questo mondo che si opponeva ai tre grandi soci che cercavano di monopolizzare il Consorzio (Mantovani, Fincosit, Condotte ndr)». Le dichiarazioni di Baita - che figurano tra carte messe a disposizione delle parti e già vagliate dal gip - forniscono altri elementi che spiegano come costi e bandi dei lavori del Mose fossero "addomesticati" dal Cvn. L'ex ad di Mantovani cita il caso dei lavori fatti per altre amministrazioni, come l'Autorità portuale, dalle stesse aziende del Cvn. Mazzacurati - sostiene Baita - «non gradiva la competizione dura», perché ribassi troppo elevati rendevano evidente «l'incongruità del prezzo del Consorzio». «Cioé la stessa impresa che per il Consorzio - esemplifica Baita - scava a sette euro al metro cubo, e poi vince una gara a tre euro al metro cubo» fa capire che «da una delle due parti c'è qualcosa che non torna».

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

attraverso CARABINIERI soprattutto corruzione provinciale possibilità Ecoambiente responsabile Civitanova capogruppo associazioni condizioni dichiarato annunciato dipendenti commissione intervento lavoratori amministrazione democrazia all'interno importante manifestazione ambientale condannato pubblicato presentato Alessandro maggioranza Redazionale situazione parlamentari Commissione Napolitano consigliere QUOTIDIANO) elettorale Presidente Parlamento territorio carabinieri Repubblica INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi presidente Berlusconi Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information