Login

Chi è on.line

Abbiamo 656 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3275
Web Links
4
Visite agli articoli
8878323
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 15 Novembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

MORTA DOPO RU486(fonte IL FATTO QUOTIDIANO).L'episodio è successo all’ospedale Martini del capoluogo piemontese. Negli Stati Uniti sono già stati registrati otto casi di intolleranza letale al farmaco. Il ginecologo: "Ben difficilmente, per non dire con ragionevole certezza, la Ru486 potrà essere chiamata come responsabile diretta o indiretta delle complicazioni che hanno portato al decesso".

Morta a 37 anni in seguito a un arresto cardiaco dopo un’interruzione di gravidanza tramite la pillola abortiva Ru486. L’episodio è successo all’ospedale Martini di Torino e si tratterebbe del primo inItalia, mentre negli Stati Uniti sono già stati registrati otto casi di intolleranza letale al farmaco. La procura di Torino ha disposto l’autopsia. Tuttavia il “padre della pillola abortiva”, il ginecologo Silvio Viale, che dirige il principale servizio italiano per Ivg presso l’Ospedale Sant’Anna di Torino, respinge “ogni strumentalizzazione” sull’episodio e osserva come sono “decine di milioni le donne che hanno assunto la Ru486 nel mondo” e “40mila in Italia”. “L’episodio – aggiunge Viale – ricorda la prima e unica morte in Francia nel 1991, agli inizi del suo uso, che indusse a modificare il tipo di prostaglandina per tutti gli interventi abortivi introducendo il misoprostolo (Cytotec). Sono gli altri farmaci, gli stessi che si impiegano per le Ivg chirurgiche, i maggiori sospettati di un nesso con le complicazioni cardiache”. Il medico, nel dirsi addolorato per quanto accaduto, sostiene che sin da ora si possa “affermare che non vi è alcun nesso teorico di causalità con il mifepristone (RU486), perché non ci sono ipresupposti farmacologici e clinici. Il mifepristone è regolarmente autorizzato dall’Aifa anche per le Ivg chirurgiche del primo trimestre e per le Ivg del secondo trimestre, per cui le buone norme di pratica clinica prescriverebbero di utilizzarlo nel 100% delle interruzioni di gravidanza e, se non è cosi, è solo per motivi politici e organizzativi”. “A differenza del mifepristone – afferma Viale – sono gli altri farmaci utilizzati nelle Ivg, sia mediche che chirurgiche, che possono avere effetti cardiaci, seppure raramente: la prostaglandina (gemeprost) in primo luogo, già individuata come responsabile di decessi e complicazioni cardiache, ma anche l’antidolorifico (ketorolac) ampiamente utilizzato off-label in gravidanza e l’antiemorragico (metilergometrina) utilizzato inItalia di routine in quasi tutti gli aborti in ospedale e a domicilio. Anche la gravidanza di per se è un fattore di rischio. In attesa che l’autopsia indichi la causa della morte ribadisco che ben difficilmente, per non dire con ragionevole certezza, la Ru486 potrà essere chiamata come responsabile diretta o indiretta delle complicazioni che hanno portato al decesso”.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

soprattutto Ecoambiente particolare Civitanova referendum annunciato dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso lavoratori condizioni condannato amministrazione manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione Redazionale democrazia maggioranza ambientale importante parlamentari presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information