Login

Chi è on.line

Abbiamo 830 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3260
Web Links
4
Visite agli articoli
8533554
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 20 Settembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ex tastierista moda(fonte IL FATTO QUOTIDIANO).A salvare l'uomo sono stati i carabinieri. Dal 14 gennaio scorso il 40enne era agli arresti domiciliari nella sua casa di Cernusco sul Naviglio (Milano) con l'accusa di aver molestato 4 ragazzini. Nella notte tra sabato e domenica uno dei fondatori della band si è liberato del braccialetto elettronico e ha collegato un pezzo di gomma al tubo di scappamento dell'auto. Da metà gennaio era agli arresti domiciliari nella sua abitazione di Cernusco sul Naviglio (Milano),con l’accusa di aver molestato nel 2011 quattro ragazzini tra i 13 e i 16 anni.

Potrebbe essere stato questo il motivo che ha spinto, nella notte tra sabato e domenica 23 marzo, il fondatore ed ex tastierista (poi fonico) dei Modà, Paolo Bovi, a tentare il suicidio. Bovi, 40 anni, aveva l’obbligo di indossare il braccialetto elettronico, ma domenica mattina, intorno alle 4 e 30, se ne è liberato con un cacciavite. Ma l’impulso lanciato dall’apparecchio, che scatta immediatamente in caso di manomissione, è arrivato alla centrale operativa dei carabinieri che si sono messi subito a cercare l’uomo. Lo hanno trovato nella sua Smart, parcheggiata vicino alla sala di registrazioni di Cernusco dove spesso aveva provato con il gruppo, non lontano dalla sua abitazione. Boni aveva già collegato un pezzo di gomma al tubo di scappamento dell’auto, ma i militari di Cassano d’Adda lo hanno salvato in tempo. E’ stato accompagnato in stato confusionale (forse per aver bevuto) all’ospedale di Cernusco sul Naviglio, da dove è stato dimesso poco dopo. Adesso si trova nel carcere milanese di San Vittore per evasione. Il 14 gennaio l’ex tastierista e fonico della band è finito agli arresti domiciliari. Bovi, educatore e animatore in una parrocchia, secondo i pm Daniela Cento e Lucia Minutella, nel 2011 avrebbe molestato quattro ragazzini che frequentavano la comunità. Le molestie sarebbero avvenute all’esterno della struttura. In un caso gli abusi sarebbero avvenuti durante una gita in un campeggio in Val d’Aosta. La denuncia di alcuni genitori contro l’uomo è stata presentata nel 2013, dopo il racconto del figlio. Secondo l’accusa, le molestie erano una sorta di “penitenza” richiesta da Bovi ai ragazzini. In nessun caso però, secondo il gip di Milano Luigi Gargiulo, c’è stato un rapporto sessuale. Dopo l’arresto, oltre che dalla parrocchia, l’ex Modà è stato allontanato anche dalla band, che nel 2011 si è classificata seconda e terza nel 2013 al festival di Sanremo.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente responsabilità soprattutto referendum Civitanova annunciato responsabile dichiarato capogruppo associazioni Comunicato possibilità dipendenti all'interno condizioni attraverso lavoratori condannato amministrazione manifestazione intervento commissione pubblicato Alessandro democrazia Redazionale maggioranza ambientale parlamentari importante presentato situazione Napolitano QUOTIDIANO) consigliere Commissione elettorale Presidente Parlamento carabinieri Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information