Login

Chi è on.line

Abbiamo 876 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3280
Web Links
4
Visite agli articoli
9101175
LOGIN/REGISTRATI
Domenica, 15 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

biomerdaNonostante molte delle centinaia di vecchie centrali americane siano destinate a chiudere perché inquinanti, in Minnesota provano a resistere, mescolando il legno al carbone...
Uno studio americano analizzato su Valori di marzo scorso decretava la fine di centinaia di vecchie centrali elettriche a carbone

come inquinanti e antieconomiche, e l'Environmental Protection Agency (EPA, l’autorità USA per la protezione dell’ambiente) persegue l’obbiettivo di ridurre le emissioni di CO2. Eppure c’è chi resiste. E in un estremo tentativo di rendere competitivi certi impianti, riducendone le emissioni nocive di anidride carbonica, alcune società di gestione avrebbero iniziato a utilizzare un additivo combustibile che il quotidiano a stelle e strisce The New York Times definisce “decisamente low-tech”, ovvero il legno in varie forme: una sorta di mix formato da segatura, pezzi grandi come lattine e rifiuti provenienti da cartiere e fabbriche di mobili. È ciò che, ad esempio, alla Minnesota Power, che una volta generava quasi tutta la sua potenza bruciando carbone e ora sta cercando di convertirsi a una co-combustione che impiega per un terzo le energie rinnovabili, un terzo a gas naturale e il resto grazie a legno e carbone. Una sorta di aggiornamento produttivo che mira a spostare un vecchio impianto verso la sostenibilità e che funzionerebbe nei fatti, almeno secondo Allan S. Rudeck Jr., vice presidente della società e responsabile per la strategia e la pianificazione: «Stiamo constatando un beneficio nel miglioramento delle emissioni e un vantaggio economico, perché il legno è più conveniente di carbone». La questione non è di dettaglio. E potrebbe creare un ostacolo allo sviluppo delle energie rinnovabili, se è vero la co-combustione permetterà di rispettare i nuovi limiti alle emissioni dei vecchi impianti proposte dell’EPA, permettendo a queste centrali di riciclarsi grazie all’uso di modeste quantità di legno (ma per le grandi centrali il tema dell’approvvigionamento è serio), e sfruttando il vantaggio – rispetto a solare ed eolico – di poter meglio programmare la produzione di energia e di integrarsi nella rete, magari con un semplice aggiornamento delle tecnologie, comunque caldeggiato dall’EPA. La controffensiva è in atto, insomma, proprio mentre l'organismo di controllo è nel bel mezzo di "sessioni di ascolto" in 11 città di tutto il Paese, per raccogliere idee sui limiti di emissioni CO2 da imporre agli impianti esistenti.

4 Novembre 2013
Corrado Fontana 

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

Ecoambiente soprattutto particolare Civitanova annunciato referendum dichiarato responsabile capogruppo Comunicato associazioni possibilità dipendenti all'interno attraverso condizioni condannato amministrazione lavoratori manifestazione intervento pubblicato Alessandro commissione democrazia Redazionale ambientale importante maggioranza parlamentari presentato Napolitano situazione QUOTIDIANO) Commissione consigliere elettorale Presidente carabinieri Parlamento Repubblica INFORMAZIONE territorio L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi Berlusconi presidente Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information