Login

Chi è on.line

Abbiamo 804 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
47
Articoli
3277
Web Links
4
Visite agli articoli
9007436
LOGIN/REGISTRATI
Venerdì, 06 Dicembre 2019
A-   A   A+

Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 
..."Così sono a rischio sei miliardi di gettito"

macchinette

Roma, 5 settembre 2013 - Il Governo è stato battuto in Aula al Senato sulla mozione della Lega sul gioco d’azzardo. La mozione è stata approvata nonostante il

parere contrario del Governo. Il sottosegretario all’Economia, Alberto Giorgetti, annuncia che sta per rimettere la delega sui giochi nelle mani del ministro dell’Economia. Motivo del contendere la moratoria di 12 mesi sul gioco d’azzardo che, spiega Giorgetti, nella mozione della Lega è scritto in maniera così “perentoria da essere inapplicabile se non creando un conflitto con i diritti esistenti dei concessionari che hanno vinto le gare e perdendo 6 miliardi di gettito”.

Il testo della mozione approvata “impegna il Governo a varare in tempi rapidi, anche attraverso l’utilizzo di strumenti normativi d’urgenza, una moratoria di 12 mesi sul gioco d’azzardo on line e sui sistemi di gioco d’azzardo elettronico in luoghi pubblici e aperti al pubblico”. Sulla mozione sono arrivati voti anche del Pd e del Pdl. Si è espresso a favore anche M5S. In Assemblea si è registrata “confusione”, ha spiegato il senatore del Pd, Felice Casson, dicendo che lui ha votato contro. L’imput del gruppo, viene riferito, era quello di votare a favore. Giorgetti ha motivato la sua decisione anche con il fatto che senatori del Pdl, il suo partito, hanno votato il documento del Carroccio.

Approvato anche un ordine del giorno unitario (eccetto Lega e M5S) che impegna comunque a “prevedere una moratoria per le nuove autorizzazioni in attesa della riorganizzazione e pianificazione dell’intero sistema”. Per il senatore della Lega, Roberto Calderoli, questo ordine del giorno e’ pero’ “una specie di contentino che non serviva a niente mentre la mozione pone condizioni precise”. Barbara Lezzi (M5S) rimarca a sua volta che una mozione impegna il Governo in maniera piu’ forte rispetto ad un ordine del giorno.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information