Login

Chi è on.line

Abbiamo 586 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
56
Articoli
3108
Web Links
4
Visite agli articoli
6494613
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 24 Gennaio 2018
A-   A   A+

scarica feed


Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

comitato adria citta piu pulitaRIFIUTI / 1 RACCOLTE IN POCHI GIORNI QUASI 200 FIRME CHE SARANNO CONSEGNATE AL SINDACO.Il comitato è capitanato da Giani Tiozzo: “Affidiamo la pulizia delle strade ai disoccupati”.Dalle parole dai fatti: è nato il comitato civico “Adria città più pulita”.

E già fioccano le firme: ne sono state raccolte quasi 200 in pochi giorni, senza organizzazione, senza banchetti, senza pubblicità, solo con il passaparola. Promotore dell’iniziativa l’instancabile Giani Tiozzo gettatosi a capofitto sulla questione dopo l’entrata in vigore della ristrutturazione avviata da Ecoambiente nel servizio di raccolta. Al suo fianco Francesca Guarnieri, Ugo Renda e Pino Scarda. A giorni le firme arriveranno sul tavolo del sindaco al quale verrà chiesto un altro incontro pubblico, dopo quello del 17 febbraio con i vertici di Ecoambiente ed Rsu. Il comitato porterà all’attenzione di Barbujani e del suo vice Giorgio D’Angelo, che ha la delega all’ambiente, i problemi irrisolti nel servizio della raccolta rifiuti, anzi altri si sono aggiunti. “A distanza di oltre un mese – spiega Tiozzo – non si vede nessun segnale di miglioramento tra quelli promessi quella sera nella Caponnetto. Devo dire, anzi, che alcuni cittadini incontrati nelle scorse settimane, mi hanno segnalato altri disservizi: chi non ha ancora ricevuto il calendario, qualcuno mi ha detto di averlo trovato in mezzo alla siepe quando è andato a potarla; la distribuzione dei sacchi del verde viene fatta in maniera ‘selvaggia’ anche a chi non ha un fazzoletto di giardino”. “Ma la cosa più grave – sottolinea – è che più di qualcuno mi ha sollecitato a segnalare che gli operatori sono passati a raccogliere i rifiuti in diversi casi con 2 o 3 giorni di ritardo rispetto alla data prefissata”. Tiozzo scuote la testa e allarga le braccia ma, insieme agli altri, non intende rassegnarsi. E rilancia le sue proposte: prima di tutto riduzione di almeno il 15% della tariffa attualmente pagata; più trasparenza nella gestione in modo che i cittadini abbiano chiaro quello che sta succedendo; maggiore possibilità di conferire all’ecocentro con meno vincoli e orari più lunghi; organizzazione della raccolta degli oli esausti in quattro punti con il supporto di alcuni volontari; il ripristino della campane per favorire la raccolta del vetro. Il finale è un vero e proprio ammonimento. “Chiediamo una volta per tutte – incalza – che venga riconosciuto ad Adria il suo impegno nella raccolta differenziata che raggiunge il 78%”. Tiozzo lancia anche una proposta con risvolti sociali non indifferenti: “Vista la spaventosa crisi di lavoro che c’è in giro, perché non affidare la pulizia delle strade ai disoccupati con tanto di scopa, invece di quelle macchine che distruggono tutto? Oltretutto non si sa mai quando passa e i marciapiedi vengono ignorati”. Dunque, il comitato si prepara alla battaglia su tutti i fronti.Luigi Ingegneri

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

attraverso CARABINIERI segretario corruzione produzione possibilità capogruppo Ecoambiente responsabile Civitanova associazioni condizioni annunciato dichiarato democrazia dipendenti commissione amministrazione lavoratori importante all'interno intervento manifestazione ambientale pubblicato condannato presentato maggioranza Alessandro Redazionale situazione parlamentari consigliere Napolitano Commissione QUOTIDIANO) elettorale Presidente Parlamento territorio Repubblica carabinieri INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi presidente Berlusconi Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information