Login

Chi è on.line

Abbiamo 549 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti

Statistiche server

Utenti registrati
56
Articoli
3108
Web Links
4
Visite agli articoli
6494673
LOGIN/REGISTRATI
Mercoledì, 24 Gennaio 2018
A-   A   A+

scarica feed


Filter Feather 2SCRIVI E INVIA IL TUO ARTICOLO (ricorda che devi loggarti o registrarti)


1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

Seduta aperta per analizzare il progetto. Isi Coppola: "Strada obbligata, vi aiuteremo"

Beatrice Furini CASTELMASSA - La fusione è più vicina. Il Comune di Castelmassa ha detto sì: il matrimonio con Calto e Ceneselli si può fare. Il voto, all'unanimità, del Consiglio comunale, arrivato l'altra sera al termine di un dibattito che ha radunato cittadini, Regione e parti sociali,

dà il la all'iter di fusione per arrivare a creare - come recita lo slogan del progetto - "un Comune, tre municipi". Un disegno a cui dà corpo il sindaco Eugenio Boschini: "Il municipio del singolo paese - ha spiegato - rimarrà comunque aperto per offrire i servizi necessari al cittadino, ma il Comune, di fatto, sarà uno unico". "Una strada senza alternative", come ha sottolineato durante la seduta l'assessore regionale Isi Coppola. Per gli effetti della spending review del governo Monti, e del patto di stabilità, che chiude le porte a nuove opere pubbliche. Il nuovo Comune avrà superficie di 51,45 chilometri quadrati, e 6.923 abitanti: la nona realtà della provincia. Dopo l'ok dei Consigli comunali (e Castelmassa, da questo punto di vista, ha provveduto l'altra sera) servirà l'ok della Regione, quindi il voto popolare. Lo studio di fattibilità della fusione - come è emerso durante la serata - presenta tre punti critici: la diversa pressione tributaria (per Ceneselli), il debito (per Castelmassa) e le sanzioni del codice della strada (per Calto, unico ad avere un autovelox). Sul fronte della pressione fiscale, i cittadini di Censelli potrebbero dover subire un piccolo aumento delle tasse, ma solo quelli con un reddito dichiarato fino ai 28mila euro annui. "Un euro e mezzo, il costo di un caffè - ha scherzato Boschini - Ma questo costo tornerà ai cittadini sotto forma di servizi". Durante la serata sono intervenuti vari consiglieri. Maggioranza schierata a favore, ma anche la minoranza ha dato la propria benedizione. "E' un'occasione che va colta subito", le parole del capogruppo Leonardo Greghi. Dello stesso avviso il collega Alberto Simi: "Sceglieranno i cittadini, con il referendum. Probabilmente le perplessità di Calto e Ceneselli nascondono la paura di perdere la propria identità. A Castelmassa questo non si riscontra; ma bisogna dare la garanzia che non succederà". A rilanciare, poi, ci ha pensato il segretario provinciale dei pensionati Cisl Orazio Trambaioli: "Tre Comuni? Sono ancora pochi. Auspico che altri aderiscano a questo bel progetto", ha detto. Ok anche dal numero uno Cgil Fulvio Dal Zio e dall'esponente Uil Wainer Cattozzo. A favore, inoltre, il presidente di Unindustria Rovigo Gian Michele Gambato, secondo qui, però, la dimensione ottimale di un Comune sarebbe di 15mila abitanti". L'assessore regionale Isi Coppola ha garantito che la Regione "vi starà accanto affinchè tutto vada per il meglio. Ci impegniamo ad aiutarvi". Sulla stessa traccia il consigliere regionale Pd Graziano Azzalin: "La strada della riorganizzazione è obbligata. Stiamo diventando un esempio a livello nazionale". Infine, parola a Francesco Cestonaro della Cna e al presidente della Protezione civile Altopolesine, Riccardo Mantovani, entrambi favorevoli.

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

attraverso CARABINIERI segretario corruzione produzione possibilità capogruppo Ecoambiente responsabile Civitanova associazioni condizioni annunciato dichiarato democrazia dipendenti commissione amministrazione lavoratori importante all'interno intervento manifestazione ambientale pubblicato condannato presentato maggioranza Alessandro Redazionale situazione parlamentari consigliere Napolitano Commissione QUOTIDIANO) elettorale Presidente Parlamento territorio Repubblica carabinieri INFORMAZIONE L'opinione REDAZIONALE Gazzettino RovigoOggi presidente Berlusconi Quotidiano

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information