Venerdì, 17 Novembre 2017
A-   A   A+

scarica feed

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0% (0 Votes)
Valutazione attuale:  / 0
ScarsoOttimo 

ZANONI AndreaComunicato stampa 8 giugno 2016 - Ieri in Consiglio Regionale, sul PDL 138 che reinserisce il dannosissimo nomadismo venatorio, è risultato chiaro a tutti che la maggioranza a trazione Lega Nord è sotto ricatto di un singolo Consigliere, che si sta muovendo solo per interessi elettorali personali ovvero a favore del suo elettorato costituito dalla lobby dei cacciatori (in deroga) dei piccoli uccelli migratori.

Il ricatto è risultato palese per due motivi: 1) l’emendamento di mediazione (a loro dire…) sul nomadismo venatorio ha riconfermato tutto ciò che Berlato ha fin qui voluto, senza fare nessun passo indietro: ovvero, la maggioranza leghista ha silenziosamente ingoiato il rospo. 2) Berlato, lamentandosi di alcune defezioni tra la maggioranza che avrebbe dovuto resistere in Consiglio fino a notte fonda, ha sottolineato che la prossima settimana ci sarebbe stata da votare la riforma sulla sanità, cioè l’Azienda Zero, ribadendo quindi le minacce e i ricatti già annunciati in commissione sanità la scorsa settimana.
Berlato sta dettando di fatto l’agenda politica dell’assessore alla caccia Pan e di tutta la maggioranza, e sta presiedendo la Terza commissione, che dovrebbe occuparsi soprattutto di lavoro, formazione professionale, agricoltura, allo scopo di compiacere il suo elettorato personale, tanto è vero che oggi mercoledì 8 giugno su otto provvedimenti all’ordine del giorno della Terza commissione, ben cinque riguardano, direttamente o indirettamente, la caccia. Se poi guardiamo al recente passato, in meno di un anno il Consiglio Regionale si è dovuto occupare ben quattro volte di caccia, in particolare di quattro leggi a firma dello stesso Berlato: legge sugli appostamenti precari di caccia, legge sulla proroga del piano faunistico-venatorio, legge sugli appostamenti fissi di caccia e infine legge sulla caccia ai castorini (o nutrie).
In questa situazione, che vede la maggioranza sotto ricatto di un singolo Consigliere che condiziona l’intero Consiglio regionale e la sua agenda, dov’è il Presidente Zaia? La smetta di fare come Ponzio Pilato e blocchi finalmente questa scheggia impazzita che danneggia i cittadini veneti, gli stessi cacciatori e soprattutto un patrimonio come la fauna selvatica, tutelato a livello internazionale da Convenzioni internazionali, Direttive europee e norme statali.
Andrea Zanoni

Web Agency coccinella piccola ARTE nel WEB Lendinara (RO) - Hosting - Customization - Developer


Il PolesineOnLine non usufruisce delle sovvenzioni economiche previste per l'Editoria - Leggi le "Note informative"

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookie impiegati per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra Privacy Policy.

Io accetto i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information